Andrea Pirlo
Interviste

Juventus, Pirlo: “La squadra è in crescita, Benevento da non sottovalutare. Ronaldo deve riposare”

La Juventus a Benevento senza Cristiano Ronaldo. Andrea Pirlo chiede attenzione ai suoi in un match ricco di insidie. Il mister bianconero ricorda con commozione Maradona

La Serie A torna in campo nel weekend per onorare la 9^ giornata di campionato. La Juventus è impegnata sabato 28 novembre alle ore 18:00 sul campo del Benevento, reduce dalla bella vittoria contro la Fiorentina. Il calendario dei bianconeri è ricco d’impegni, ma la formazione di Andrea Pirlo non può permettersi passi falsi. Il tecnico è intervenuto ai microfoni di Juventus TV alla vigilia del match per presentare i temi dell’incontro.

Le parole di Andrea Pirlo su Benevento-Juventus

La trasferta di Benevento non è un impegno da sottovalutare per la Juventus. Andrea Pirlo tiene alta la concentrazione dei suoi, memore di quanto accaduto a Crotone, quando i bianconeri non andarono oltre l’1-1 sul campo di un’altra neopromossa: “Ormai siamo abituati a questo tipo di avversari. La differenza in queste partite la fa l’atteggiamento: serve attenzione. Il Benevento è una squadra organizzata, che chiude gli spazi e riparte in contropiede. Hanno giocatori di gamba, anche il Napoli contro di loro ha faticato“.

Mister Pirlo affronta per la prima volta da allenatore Filippo Inzaghi, suo grande amico e compagno di squadra per oltre dieci anni ai tempi del Milan: “Conosco molto bene Pippo, farà di tutto per metterci in difficoltà. Non ha mai avuto paura e ha accettato ogni sfida che gli si è presentata davanti. È partito al Milan, poi ha fatto un grande passo indietro ed è stato ammirevole. Non è da tutti. È malato di calcio, è uno che arriverà sicuramente“.

Il momento in casa Juventus

La Juventus ha dimostrato di dover ancora assorbire le idee di calcio di Pirlo. La squadra fatica a trovare velocità nella manovra e si sta rivelando troppo fragile in difesa. In trasferta, in campionato, ha già subìto cinque reti: “Dobbiamo migliorare, la squadra deve avere più sicurezza e quando ha la palla cercare la profondità. Il gruppo, adesso, è più consapevole e gli sviluppi si vedono gara dopo gara. Serve tempo, ma in queste partite iniziali ho dovuto anche fare sperimentazioni. Adesso che ho trovato una struttura le cose andranno meglio“.

Pirlo è fiducioso e sicuro di strappare una buona prestazione al Vigorito, nonostante le numerose assenze, tra cui quella di Cristiano Ronaldo: “Il portoghese non è convocato, Cristiano deve riposare dopo tante partite. Alex Sandro viene da due mesi di stop, è ancora un po’ affaticato, ma verrà con noi a Benevento. Rientra a disposizione Bonucci“.

Gli obiettivi della Juventus e il ricordo di Maradona

La Juventus, attualmente al quarto posto in classifica con 16 punti e a -4 dal Milan capolista, deve vincere per non accumulare ulteriore distacco dalla vetta. Il campionato è lungo, ma le prossime partite potrebbero essere decisive per indirizzare la stagione: “C’è grande equilibrio in un torneo anomalo con tante partite e calciatori che faticano a trovare continuità” – ha ammesso Pirlo a Juventus TV – aggiungendo: “Giocare ogni tre giorni non è facile, ma domani contano solo i tre punti“.

Un ultimo pensiero non poteva non essere dedicato a Diego Armando Maradona, venuto a mancare nella giornata di mercoledì e ricordato anche dalla Serie A con un minuto di silenzio in tutte le partite del weekend: “È stato l’idolo di tutti noi ragazzi, era il dio del calcio. Tra i ricordi dell’infanzia porto con me i Mondiali dell’86 vinti dalla sua Argentina: andavo in giardino tutti i giorni a provare a fare il gol che aveva fatto con l’Inghilterra. Il suo nome rimarrà nella storia del calcio per sempre“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *