Allenamento Giorgio Chiellini
Approfondimenti

Juventus, infortunio Chiellini: i tempi di recupero del capitano bianconero

Ennesimo infortunio muscolare per Chiellini. La Juventus dovrà fare a meno del suo capitano per le prossime tre settimane. Salterà anche il Barcellona

Giorgio Chiellini si dovrà fermare anche stavolta. Il capitano bianconero, dopo la rottura del legamento crociato subita all’inizio della scorsa stagione, non è mai riuscito a recuperare a pieno la sua forma fisica. Rientrato dal brutto infortunio al ginocchio a febbraio, è stato poi continuamente perseguitato da problemi muscolari. La lesione di basso grado al bicipite femorale della coscia sinistra, rimediata prima della partita con la Lazio, lo terrà ai box almeno per le prossime tre settimane. Per Chiellini si tratta del quarto infortunio muscolare del 2020.

Chiellini out, rientrano De Ligt e Alex Sandro

La Juventus dovrà affrontare nove partite nel giro di un mese prima della sosta natalizia. Dalla gara contro il Cagliari di sabato sera, fino a quella contro la Fiorentina in programma il 22 dicembre, i bianconeri saranno chiamati a tirar fuori la loro vera identità, dimostrando di essere ancora una volta la squadra da battere. Per questo ciclo di partite Andrea Pirlo non avrà però a disposizione il suo capitano. L’ennesimo problema muscolare rimediato da Chiellini prima della gara contro la Lazio, lo costringerà a saltare questo delicato momento della stagione. Il difensore sarà indisponibile anche per l’attesissimo match contro il Barcellona, quando al Camp Nou i suoi compagni dovranno riscattare la brutta sconfitta subita dai catalani a Torino.

Quella di Chiellini è una perdita significativa principalmente dal punto di vista tattico. Nonostante i suoi 36 anni è ancora un difensore di grande affidamento, capace di arginare qualsiasi attaccante si trovi a marcare. Ma quella del capitano bianconero è una perdita importante soprattutto dal punto di vista caratteriale. Oltre alle sue prestazioni impeccabili, Chiellini è in grado di garantire alla propria squadra leadership ed esperienza, messe a disposizione soprattutto per i compagni più giovani.

Ma non è il solo leader difensivo bianconero alle prese con gli infortuni muscolari. Anche Leonardo Bonucci, finito ko per un problema alla coscia destra, sarà costretto a fermarsi in vista delle prossime partite. La notizia confortante per Pirlo però è che la sosta nazionali gli ha permesso di recuperare De Ligt e Alex Sandro, pedine fondamentali per soccombere all’emergenza in difesa. Il giovane centrale olandese avrà ora il compito di prendere in mano la retroguardia della Juventus. A mancargli non è di certo la personalità, la stessa che gli ha permesso di diventare capitano dell’Ajax a soli 18 anni. Il suo allenatore ha piena fiducia in lui.

Quarto infortunio muscolare nel 2020 per Chiellini

Sono 7 le presenze di Giorgio Chiellini in questo 2020. Di queste 5 sono arrivate in campionato e 2 in Champions League. Schierato titolare nella partita contro la Dinamo Kiev, il difensore è stato poi costretto a lasciare il campo dopo soli 20 minuti per via dell’ennesimo infortunio muscolare. Così sono soli 393 i minuti giocati dal capitano della Juventus in questa sfortunata annata.

Il suo carattere da guerriero gli ha comunque sempre permesso di ritornare a guidare la propria squadra. Ogni volta però che sembra rialzarsi, ecco che le noie muscolari tornano a farsi sentire. Nel frattempo il campionato e tutte le altre competizioni proseguono, e lui è costretto a guardare i suoi compagni da fuori. La rabbia che prova Chiellini in quelle situazioni è forse ciò che gli permette e gli permetterà ancora una volta di ripartire, fino a quando non avrà ritrovato quella straordinaria condizione fisica che lo contraddistingueva.

Nel frattempo gli Europei del 2021 sono alla finestra e Roberto Mancini dovrà fare delle scelte al termine di questa stagione. Chiellini è il capitano degli Azzurri, ma ha bisogno di ritrovare continuità di rendimento al più presto. In più Acerbi e il giovane Bastoni hanno ben figurato come coppia difensiva nelle loro prime uscite contro Polonia e Bosnia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *