Ronaldo Pirlo
Interviste

Ferencvaros-Juventus 1-4, Pirlo: “Soddisfatto del risultato, ma c’è tanto da migliorare”

La Juventus torna a vincere in Champions League: 4-1 al Ferencvaros in Ungheria. Secondo poker consecutivo per i bianconeri, ma Pirlo vuole di più

La Juventus ottiene il massimo risultato con il minimo sforzo. La squadra bianconera supera l’ostacolo Ferencvaros e batte in Ungheria la cenerentola del girone per 4-1. L’avversario era di modesto valore, ma l’undici di Andrea Pirlo ha cancellato i fantasmi post Barcellona e ha mosso un deciso passo in avanti verso la qualificazione agli Ottavi di Champions League. L’allenatore bianconero ha analizzato quanto accaduto nel match ai microfoni di Juventus TV e di Sky Sport.

Le parole di Andrea Pirlo su Ferencvaros-Juventus

Andrea Pirlo ha cambiato modulo e ha ridisegnato i suoi con un classico 4-4-2 che ha tolto un po’ di fantasia ai bianconeri, ma riconsegnato compattezza e ordine tattico. La Juventus ha sbagliato qualche tocco di troppo, pagando un’ingiustificata superficialità negli ultimi 30 metri. Una situazione che non è piaciuta al tecnico bianconero: “Sono soddisfatto del risultato, ma dovevamo fare meglio sul piano del gioco. La squadra ha commesso troppi sbagli, magari dovuti anche alla partita in discesa. Questa però non è una scusante, dobbiamo migliorare“.

La Juventus ha avuto il controllo della partita, come testimonia il 54% di possesso palla finale e i nove tiri effettuati verso la porta contro i tre avversari. Ma secondo il tecnico, gli attaccanti spesso hanno mancato di cinismo: “Io sono l’allenatore, poi in campo scendono i giocatori, e sono loro a fare le scelte che ritengono più giuste al momento“, ha affermato Pirlo sempre a Sky Sport. “In qualche occasione potevano scambiarsela anche davanti alla porta” – ha aggiunto – “però tutto sommato si sono mossi bene. Bisogna essere meno egoisti e chiudere le partite prima, soprattutto in Champions League“.

Pirlo elogia Morata e sprona Dybala

Dall’analisi del match alla valutazione dei singoli. Mattatore della serata è stato Alvaro Morata, autore di una doppietta e salito così a quota quattro reti in questa Champions League: “È un attaccante che sta bene fisicamente e mentalmente. Morata rappresenta il profilo del giocatore che volevamo in attacco e ce lo teniamo stretto. Si sta dimostrando utile anche in fase difensiva“. Andrea Pirlo si è detto soddisfatto anche della prestazione di Paulo Dybala, autore del terzo gol della Juventus e propiziatore dell’autorete di Dvali che ha chiuso la partita: “Per Paulo era importante sbloccarsi. Viene da un lungo infortunio e non ha vissuto un periodo facile. Sta recuperando la forma migliore, il gol lo aiuterà a farlo in tempi ancora più stretti“.

I problemi fisici di Arthur

Il tecnico bianconero ha voluto anche difendere l’operato di Arthur. L’ex Barcellona si è mosso da interno di centrocampo, arretrando spesso il suo raggio d’azione sulla linea dei difensori: “Doveva giocare leggermente più avanti, però fisicamente non ce la faceva. Ha deciso di rimanere più basso per recuperare in fretta la posizione“. Il brasiliano è stato poi sostituito all’intervallo: “Era sempre in affanno a livello fisico e di respirazione. Ha accusato problemi di stomaco sin dalle prime battute del match, aveva nausea. Volevo toglierlo subito, poi ha voluto continuare e ha tenuto fino all’intervallo“.

Verso Lazio Juventus

La Juventus è uscita quindi vittoriosa dall’Ungheria, trovando il secondo poker consecutivo dopo quello realizzato in campionato contro lo Spezia. I bianconeri consolidano la loro posizione nel Girone G di Champions League, salendo a quota 6 punti, a -3 dal Barcellona e a +5 dalla coppia Ferencvaros e Dinamo Kiev. La qualificazione agli Ottavi sembra blindata, ma ora è tempo di pensare al campionato. Domenica 8 novembre c’è la Lazio: “Spero di recuperare alcuni giocatori e avere tutti a disposizione. Dybala, Ronaldo, Morata in campo contemporaneamente? Per adesso non li ho mai avuti al 100% della condizione e ho dovuto alternali, tenendo sempre uno fuori. Stiamo lavorando per farli convivere in futuro“, ha chiuso mister Pirlo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *