Esultanza gol Alvaro Morata
Competizioni

Champions League, sfida tra Juventus e Dinamo Kiev: probabili formazioni e statistiche

La Juventus sfida per la sesta volta in Champions League la  squadra attualmente allenata da Lucescu. All’andata finì 2 a 0 per i bianconeri, ora a Torino, la squadra di Pirlo cercherà di ripetersi con un Cristiano Ronaldo in più

Dopo il brutto pareggio in casa del Benevento la Juventus torna in Champions League, e si prepara ad affrontare la sfida contro la Dinamo Kiev per tornare alla vittoria. I bianconeri già qualificati agli ottavi, proveranno a vincere per arrivare primi nel girone, mentre la Dinamo Kiev tenterà l’impresa per qualificarsi come terza e approdare in Europa League.

Le probabili formazioni di Juventus-Dinamo Kiev

Mercoledì 2 dicembre alle 21:00 la Juventus affronterà la Dinamo di Kiev; certo di scendere in campo sarà Cristiano Ronaldo, assente all’andata (causa Covid) e pronto a giocare dopo aver osservato un turno di riposo in campionato. Sicuro assente della gara sarà Demiral, che dovrebbe tornare in vista del derby di sabato contro il Torino. Il tecnico Andrea Pirlo, forse, dovrà rinunciare anche agli acciaccati Chiellini e Buffon; mentre quasi sicuramente dovrebbe tornare al centro della difesa Bonucci.

Dopo l’espulsione in Serie A, in attacco, insieme a Cristiano Ronaldo dovrebbe esserci Morata, per ricostruire la coppia d’oro di inizio stagione. La gara potrebbe dare spazio anche a Bernardeschi e Kulusevski sulle fasce per sostituire Chiesa e Ramsey dopo l’opaca prestazione contro il Benevento. Sul fronte Dinamo Kiev Lucescu tenterà l’impresa affidandosi al suo modulo tipo il 4-5-1, che bene sta facendo nel campionato ucraino (la Dinamo Kiev è attualmente prima in classifica), affidando tutte le speranze in attacco a Supryana (solo 9 minuti giocati), tenuto a riposo nella sfida di campionato vinta per 2 a 0.

Juventus (4-4-2): Szczesny; Danilo, Bonucci, De Ligt, Cuadrado; Bernardeschi, Bentancur, Rabiot, Kulusevski; Ronaldo, Morata. All. Pirlo

Dinamo Kiev (4-5-1): Bushchan, Khedziora, Zabarnji, Mykolemko, Karavaev, Shaparenko, Garmash, Tsygankov, Bulyalsky, De Pena, Supryaha. All. Lucescu

I precedenti di Juventus-Dinamo Kiev

I precedenti nella sfida tra Juventus e Dinamo Kiev sorridono ai bianconeri, infatti, a fronte delle cinque partite giocate dalle due formazioni, il club italiano ha vinto quattro volte e pareggiato una, la Dinamo Kiev non ha mai vinto contro i bianconeri. La prima vittoria risale alla stagione 1997/98 dove, nei quarti di finale, la formazione bianconera ebbe la meglio per 4 a 1 a Torino, mentre pareggiò in Ucraina per 1-1, unico risultato positivo per il team di Kiev contro la Juventus. Curiosità nella vittoria per 4-1 a segnare una tripletta fu proprio Filippo Inzaghi, attuale allenatore del Benevento, che nello scorso match di Serie A è riuscito a fermare sul pareggio la squadra di Pirlo.

Il secondo precedente tra le due formazione risale, invece, nella fase a gironi di Champions League, dell’anno 2002/03, dove i bianconeri si imposero con un roboante 5 a 0 a Torino, e vinsero per 2 a 1 a Kiev, in rimonta. Ultima sfida è stata proprio quella della gara d’andata, che ha visto protagonista un super Morata con 2 gol, e una Juventus vittoriosa per 2 a 0. Infine, un’altra piccola curiosità: sia nella stagione 1997/98 che in quella 2002/03, la Juventus dopo aver battuto la squadra di Kiev, è andata in finale di Champions League, chissà che questo non sia di buon auspicio per il proseguo del cammino europeo dei bianconeri.

Le statistiche di Juventus e Dinamo Kiev

I percorsi europei di Juventus e Dinamo Kiev sono molto diversi, a testimonianza di ciò non ci sono solo gli 8 punti di distacco il classifica, ma anche le statistiche delle due squadre. La Juventus è riuscita a strappare il pass per gli ottavi di Champions League grazie  tre vittorie e una sconfitte (contro il Barcellona) totalizzando 9 punti. In queste prime quattro partite i bianconeri hanno siglato 8 gol e subiti solo 4. Degli 8 gol segnati dalla Juventus 5 sono di Morata, secondo, dietro a Håland, nella classifica dei marcatori di Champions League.

Inoltre una curiosità statistica, secondo il sito della Uefa, posiziona la squadra di Pirlo come terza, a pari merito con il Borussia Mönchengladbach, per falli commessi, a testimoniare il grande furore agonistico che i bianconeri sfoderano nelle partite di Champion League. Statistiche, invece, completamente opposte quelle della Dinamo di Kiev: un solo punto conquistato in quattro gare, nel pareggio contro il Ferencváros, tre sconfitte e una differenza reti di -7, figlia dei 10 gol subiti e dei solo 3 fatti, il peggior attacco del girone.

Guardando le statistiche, e il risultato della gara d’andata, la sfida sembra segnata, ma la Dinamo Kiev ha bisogno di punti, e la Juventus viene da un bruto pareggio in campionato, quindi l’esito della sfida può essere aperto a qualsiasi risultato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *