Conferenze

Juventus-Lione, Sarri amareggiato: “Sono deluso. Per il futuro si vedrà”

Sarri nella conferenza stampa post Juventus-Lione è apparso devastato. Si è comunque detto contento della prestazione della squadra

La Juventus – con la sconfitta contro il Lione – ha definitivamente messo la parola fine ad una stagione tanto strana quanto complicata. Doveva essere quella della svolta dal punto di vista del gioco, ma così non è stato. Maurizio Sarri è finito così sul banco degli imputati e adesso – dopo soltanto una stagione sulla panchina bianconera – rischia addirittura l’esonero. Il tecnico toscano è apparso amareggiato nella conferenza post partita, e anche lui stesso ha palesato qualche dubbio sull’anno prossimo.

Sarri triste, ma la squadra c’è

Al termine della gara Sarri si è presentato davanti ai microfoni visibilmente scosso dalla mancata qualificazione, non riuscendo a nascondere tutto il suo disappunto. Si è comunque detto soddisfatto della prestazione dei suoi: “Se non fossi devastato moralmente per l’eliminazione, sarei contento della squadra. Secondo me abbiamo fatto una grande partita e abbiamo dovuto spendere tantissime energie. Sul 2-1 abbiamo avuto tre palle gol. La squadra in questi 5-6 giorni ha dimostrato di essersi rigenerata. Ci hanno creduto fino alla fine, hanno dato tutto, se dobbiamo trovare delle responsabilità siamo usciti per il primo tempo di Lione. È una manifestazione che non fa prigionieri. In otto gare di Champions abbiamo fatto sei vittorie, un pareggio e una sconfitta, e siamo fuori“.

Futuro tutto da decifrare

La posizione di Sarri già prima di questa sconfitta non era salda. Per via del finale di campionato rivedibile, Sarri era stato messo in croce da una parte della tifoseria. Lui non si espone e semplicemente ribadisce che ha un contratto in essere: “Non mi aspetto niente, ho un contratto e lo rispetterò. Non penso che dirigenti di altissimo livello vadano a prendere decisioni sulla base di una partita, penso che facciano valutazioni molto più ampie. Le mie parole ieri erano poco interpretabili, domande di questo genere mi sembrano offensive nei confronti dei dirigenti. Fossi in loro interverrei”.

Summit con Agnelli per definire il futuro

Dopo aver fatto mente locale sugli errori commessi, bisognerà nuovamente concentrarsi in vista della prossima stagione. Andrea Agnelli chiamerà per un incontro Maurizio Sarri, e si deciderà se l’ex tecnico del Napoli continuerà a sedere sulla panchina bianconera anche nella prossima stagione. A Sarri è stato chiesto cosa chiederà nella riunione con Agnelli, lui ha rapidamente risposto: “Oggi vado a casa inferocito perché siamo stati eliminati. Poi si faranno valutazioni e ognuno dirà la sua”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *