Ronaldo Theo Hernandez Milan-Juventus
Serie A

Milan-Juventus 4-2: i bianconeri perdono dopo il doppio vantaggio

Il Milan ribalta la situazione vincendo 4-2 contro la Juventus che non sfrutta la sconfitta della Lazio contro il Lecce. Ancora a segno Ronaldo.

Disastrosa la prestazione della Juventus che avanti di due gol, perde la partita 4-2. I bianconeri sono andati in vantaggio con la bellissima rete di Rabiot e il solito Ronaldo, poi cinque minuti di blackout in cui i rossoneri hanno segnato con Ibrahimovic su rigore, Kessie e Leao. La chiude infine Rebic all’80’ su un erroraccio di Alex Sandro. I bianconeri non sfruttano la sconfitta per 2-1 della Lazio a Lecce rimanendo così a +7.

Due cambi nel Milan rispetto alla partita della Lazio con Rebic e Paquetà per Calhanoglu e Bonaventura mentre Sarri sostituisce i due squalificati De Ligt e Dybala con Rugani e Higuain e in porta torna Szczesny.

Primo tempo molto equilibrato con entrambe le squadre che gestiscono bene il possesso palla e tentano di aprire la difesa avversaria. La prima occasione è per la Juventus al 10′ quando Bonucci va vicino al gol sfiorando di testa su una punizione di Bernardeschi. Il Milan però non sta a guardare e le opportunità capitano in due minuti a Ibrahimovic: al 22′ su un errore tecnico della difesa bianconera e poi su un assist di Rebic ma in entrambe le situazioni il tiro è stato debole. La prima frazione si conclude con una bella azione della Juventus con Higuain che mette in difficoltà Donnarumma.

Il secondo tempo inizia con il botto: Rabiot si fa 40 metri palla al piede saltando tre avversari e con il sinistro la mette solo l’incrocio portando i bianconeri in vantaggio. Passano sei minuti e su un lancio lungo di Cuadrado, Romagnoli e Kjaer vanno a sbattere tra di loro e Ronaldo non sbaglia davanti al portiere rossonero. In cinque minuti cambia tutto: il Milan riapre la partita con un rigore concesso dal Var e trasformato da Ibrahimovic. Poi è Kessie a pareggiare con una bella triangolazione con lo svedese battendo Szczesny. Infine un minuto dopo ci pensa Leao che in contropiede trafigge il portiere polacco ribaltando la situazione. La Juventus non molla e vuole il pareggio: Alex Sandro appena entrato impegna Donnarumma con un bel colpo di testa. I rossoneri la chiudono all’80’ con il terzino brasiliano che fa un passaggio orizzontale all’interno dell’area, Bonaventura serve Rebic che segna il decimo gol in campionato.

Il tabellino di Milan-Juventus 4-2

Milan (4-4-2): G. Donnarumma; Conti (82′ Calabria), Kjaer, Romagnoli, Hernandez; Saelemaekers (59′ Leao), Kessie, Bennacer, Paquetà (45′ Calhanoglu); Rebic (82′ Krunic), Ibrahimovic (66′ Bonaventura). All. Pioli

Juventus (4-3-3): Szczesny; Cuadrado (77′ Alex Sandro), Rugani, Bonucci, Danilo; Bentancur (93′ Muratore), Pjanic (68′ Ramsey), Rabiot (68′ Matuidi); Bernardeschi, Higuain (68′ Costa), Ronaldo. All. Sarri

MARCATORI: Rabiot al 47′, Ronaldo al 53′, rig. Ibrahimovic al 62′, Kessie al 65′, Leao al 66′, Rebic all’80’

ASSIST: Cuadrado, Ibrahimovic, Rebic, Bonaventura

AMMONITI: Paquetà, Bennacer, Rebic, Conti (M); Bonucci (J)

ESPULSI: –

Leggi anche: le pagelle bianconere di Milan-Juventus

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *