rabiot-juventus
Calciomercato Juventus

Calciomercato Juventus, ben undici i giocatori in vendita

La lunga lista dei calciatori in uscita ha un solo obiettivo: costituire un tesoretto per finanziare il mercato in entrata

L’obiettivo della Juventus in questo “strano” mercato estivo 2020 è quello di vendere i giocatori in esubero presenti nella rosa bianconera. Il Chief Football Officier Fabio Paratici sembra aver definito una lista dei calciatori in uscita. L’obiettivo è avere a disposizione un tesoretto in maniera da autofinanziarsi il mercato in entrata.

Oltre ai calciatori presenti nella rosa della Juventus, la società ne ha molti altri in prestito. La decisione di snellire la squadra, è anche un modo per andare incontro alle richieste della FIFA che a fine febbraio ha introdotto limitazioni riguardo il numero dei prestiti di giocatori dai 22 anni in su. Per la stagione 2020/21 il limite sarà ad otto prestiti complessivi tra quelli in entrata e quelli in uscita, per scendere a sei nella stagione successiva e infine arrivare nel 2022/23 ad averne tre in entrata e tre in uscita.

Cinque addii tra porta e difesa

Il reparto arretrato è quello destinato alla rivoluzione più importante a fine stagione. Situazione attenuata dai rinnovi per un altro anno di Buffon e Chiellini, che molto potrebbero anche dire addio al calcio giocato a giugno 2021. Sono cinque i candidati a lasciare la Juventus alla fine di questo campionato: Perin, Rugani, Romero, De Sciglio e Pellegrini.

Il portiere, in prestito al Genoa, è voglioso di ritornare ad essere protagonista e sicuramente cercherà una squadra dove potrà essere titolare. Sarri a inizio anno ha dichiarato di non volere più di quattro centrali difensivi e con Bonucci, De Ligt, Chiellini e Demiral la lista è chiusa. Quindi sia Rugani che Romero potrebbero lasciare la squadra. Il primo non ha mai trovato spazio col tecnico toscano ed è ai margini della rosa, mentre l’argentino – in prestito al Genoa – è considerato non all’altezza e non resterà a Torino.

Discorso diverso per i due terzini. De Sciglio ha molto mercato – piace a Barcellona e PSG – e può essere utilizzato anche come pedina di scambio in qualche operazione con questi due club. Pellegrini è considerato come il terzino bianconero del futuro, però la Juventus per il prossimo anno non può garantirne l’utilizzo. Sia lui che il suo procuratore Raiola spingono per un altro anno in prestito, per permettere al ragazzo di giocare con continuità.

Centrocampo: Pjanic e Rabiot quasi fuori, Mandragora pedina di scambio

A centrocampo sono tre i possibili movimenti in uscita. Pjanic molto probabilmente non sarà un giocatore della Juventus per la prossima stagione. L’interesse del Barcellona è molto forte, e alle giuste condizioni sarà lasciato libero di andare in Catalogna (magari in uno scambio con Arthur).

Il francese Rabiot non ha convinto la società e il mister. Un suo addio a fine stagione sembra abbastanza sicuro anche perchè così la Juventus risparmierebbe i 7 milioni del suo ingaggio. Infine, Mandragora che al momento non è di proprietà della società torinese, ma dell’Udinese. Paratici però potrebbe esercitare il diritto di recompra fissato a 26 milioni di euro e utilizzarlo come pedina di scambio per qualche affare, visto che il calciatore piace a molte squadre italiane.

In attacco Higuain, Pjaca e il giovane Mavididi ai saluti

La Juventus è alla ricerca di una prima punta titolare per la prossima stagione. L’avventura in bianconero – e in Italia – di Gonzalo Higuain quindi sta per finire. Il ritorno al River Plate o l’MLS americana le sue prossime destinazioni.

Marko Pjaca è stato uno degli acquisti su cui la Juventus puntava per il futuro. Acquistato a 21 anni per 23 milioni di euro, dopo aver disputato i campionati europei 2016 da protagonista, non è mai riuscito a dimostrare il suo talento anche a causa dei tanti infortuni. Dopo tanti prestiti – Schalke 04, Fiorentina e Anderlecht – lascerà Torino a fine stagione.

Infine il giovane Mavididi, calciatore inglese acquistato dall’Arsenal nel 2017, ha fatto molto bene nella selezione Under-23 che milita in Serie C. Quest’anno in prestito al Digione, tornerà a Torino ma sarà ceduto a titolo definitivo per fare cassa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *